Conference Proceedings

A History of Cinema Without Names/3. New Research Paths and Methodological Glosses

A History of Cinema Without Names/3. New Research Paths and Methodological Glosses

Proceedings of the XXVI International Film Studies Conference, Gorizia, March 29 - 30th 2017

edited by Diego Cavallotti, Simone Dotto, Leonardo Quaresima.

On the occasion of the previous History of Cinema Without Names meeting, it became clear to our international network that further feasible paths were surfacing, both inherently to the research work led by the singular groups and by the intersection of their perspectives, as a result of a stimulating collective discussion. Moreover, during the months that followed the 2016 conference, other scholars manifested their will to join the group, bringing in some fresh (and, sometimes, even unexpected) interpretations on how cinema would look (and sound) like once epistemologically “reframed” as a nameless art and how its history may be reconfigured if it was re-written without the anchors of its main figures and personalities, authors and inventors. We are inclined to believe that the choice of building on fortuitous occasions and intuitions, instead of forcing the events according to a pre-determined schedule, is not only perfectly in tune with the philosophy behind our historiographical aims, but also, on a more general level, a good rule to follow for anyone who is making research. For those reason, we agreed to grant ourselves another chance to dissect and analyze the inspiring concepts of A History of Cinema Without Names in relation to further fields of application and their possible developments. Thus, A History of Cinema Without Names/3: New Research Paths and Methodological Glosses collects the efforts presented during the conference in question (University of Udine, Gorizia, March 29th – 30th 2017) and shall be read as complementary to the previously published books: an attempt to fully testify and document how the ideas and suggestions introduced by the launch of the project in 2014 have spread and differently blossomed, taking disparate forms and significantly widening the original theoretical framework.

 

A History of Cinema Without Names/2. Contexts and Practical Applications

A History of Cinema Without Names/2. Contexts and Practical Applications

Proceedings of the XXIII International Film Studies Conference, Udine - Gorizia, March 9th-11th 2016

edited by Diego Cavallotti, Simone Dotto, Leonardo Quaresima

The reasons why it was worth devoting a second volume to the A History Of Cinema Without Names project are not solely to be found in our will of collecting the presentations held by several scholars and researchers during the conference hosted by the University of Udine on March 9th – 11th 2016. More than a simple proceedings collection, this book witnesses the concrete outcome of an ongoing collective and international research project that was launched four years ago in Udine with the aim of re-discussing some basic notions in the disciplinary field of film studies. The ambitious invitation to re-imagine film history by getting rid of “names”, implied in fact an interesting challenge addressed to film scholars and historians, an invitation to reconsider their analytical and historiographical tools out of a strictly anthropometrical and anthropocentric lecture of the audio-visual and, as a consequence, without the aid of categories such as “authorship” and “style”, so well acknowledged and deeply rooted in our vocabulary that they have too often been left under-debated. During the second AHOCWN conference, the exchange was effectively articulated across separated groups, each of them pursuing the task of applying the suggestions offered from the general project to the matters of a specific research area. The composition of those groups is heterogeneous: while some of them are grounded on the sharing of similar research interests and long standings collaboration between their members, others were newly formed on the basis of the stimulating exchange of ideas occurred in Udine.

Buy this book

A History of Cinema Without Names - A Research Project

A History of Cinema Without Names - A Research Project

Proceedings of the XXII International Film Studies Conference, Udine, March 18th - 20th 2015

edited by Diego Cavallotti, Federico Giordano, Leonardo Quaresima

In 2014  the Udine Conference launched a related project entitled A History of Cinema Without Names, following the vein in which Wölfflin and Valéry respectively imagined a history of art and of literature without names. This volume collects the papers presented on that occasion. The event did not conform to the standard conventions of conferences, in which scholars present the results of his or her research activity; instead it was a workshop where methodological aspects of the project were discussed at length. These proceedings therefore aim to convey the talks and discussions developed during its sessions. Their outcomes have been very promising: scholars coming from all over the World – from Canada to Australia – interpreted in the most innovative ways the concept of “history without names,” sketching out a theoretical framework that moves beyond the traditional categories of authorship and style and matches the characteristics of the most innovative reflections on history (and historiography) of cinema, such as the “series theory;” the contaminations between aesthetics, literature theory, and moving image history; cartographic and topological approaches; new insights about film textuality and stylistics; media archaeology.

Buy this book

 
At the Borders of (Film) History

At the Borders of (Film) History

Atti del XXI Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 2-4 aprile 2014

A cura di Alberto Beltrame, Giuseppe Fidotta e Andrea Mariani

In uno scenario trasformato dalle conseguenze della rivoluzione digitale, il mestiere dello storico del cinema è talmente mutato da rendere indispensabile una riflessione di largo respiro sulle teorie, i metodi e le pratiche attraverso le quali oggi si può operare. Il volume, in inglese e francese, riunisce i contributi di esponenti di scuole diverse, a volte divergenti, in un dialogo sul ‘fare storia’ e offre una panoramica approfondita e vivace dei più rilevanti processi in corso che stanno ridefinendo la storiografia cinematografica.

Acquista il libro

Whose right?

Whose right?

Atti del XX Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 12-14 marzo 2013

A cura di Alberto Beltrame, Ludovica Fales e Giuseppe Fidotta

La proprietà intellettuale indica quell'apparato di principi giuridici che tutela i frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani e che dovrebbe scoraggiare qualsiasi tentativo di abuso, assicurando così l'innovazione e la circolazione delle idee. Ma cosa succede se, grazie alle pratiche contemporanee di navigazione tra diverse piattaforme e alle attività di condivisione peer-to-peer, nascono nuove forme di autorialità, dove utenti, consumatori e produttori non sono più distinti gli uni dagli altri? Il volume ricostruisce il dibattito critico, sempre più urgente, sullo statuto della proprietà intellettuale nei media e sull'evoluzione del concetto di ‘autore’ nell'epoca della rivoluzione digitale.

Acquista il libro

Il cinema si impara?

Il cinema si impara?

Atti del XIX Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 20-22 marzo 2012

A cura di Anna Bertolli, Andrea Mariani e Martina Panelli

La formazione professionale nell'ambito del cinema ha contribuito a delineare l'identità del 'mezzo cinematografico' sul piano tecnico, stilistico, culturale e politico. Oggi, tuttavia, tale identità è messa in discussione dalla convergenza tecnologica e dei new media, pertanto la questione se 'il cinema si impara' ha assunto un'importanza decisiva. Come è stato insegnato infatti il linguaggio filmico? In che modo le politiche nazionali e internazionali hanno supportato od ostacolato la formazione? Qual'è il ruolo della tecnologia? Il volume intende ricostruire le relazioni fra trasmissione della conoscenza e ruoli professionali, fra cultura e potere politico, nel cinema.

Acquista il libro

L'archivio

L'archivio

Atti del XVIII Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 5-7 aprile 2011

A cura di Alessandro Bordina, Sonia Campanini e Andrea Mariani

Il volume indaga il concetto di archivio e delle pratiche archivistiche dei materiali audiovisivi (filmici, video e digitali). Partendo dalla definizione di Jacques Derida, l’archivio è visto non solo come il luogo dove vengono depositate le fonti, ma anche come il luogo dove da queste scaturisce la legge e dove essa prende dimora. I saggi affrontano l’analisi dell’archiviazione dell’audiovisivo attraverso diversi assi di ricerca: il peso e l’azione degli attori, dei soggetti, delle norme preposte all’organizzazione e alla conservazione del materiale audiovisivo; il confronto tra modalità di strutturazione e di accesso ai documenti; la verifica di come queste influenzino l’interrogazione e, di conseguenza, la definizione delle possibilità dell’immagine. Alcuni testi indagano, inoltre, il ruolo svolto della tecnologia digitale nella ridefinizione delle pratiche d’archivio e di organizzazione dei saperi. Il quadro che ne deriva dimostra come l’archivio costituisca un luogo, discorsivo ancorché fisico, di contestazioni dialettiche e conflittuali di pratiche genealogiche e dispositivi di potere, che determina la forma e la modalità di accesso al presente del regime del visibile.

Acquista il libro

Il canone cinematografico

Il canone cinematografico

Atti del XVII Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 16-18 marzo 2010

A cura di Pietro Bianchi, Giulio Bursi e Simone Venturini

Il canone cinematografico può essere forse ricondotto ad un film, ad una serie di film, o ai film di una scuola? Un ‘classico’ è un testo canonizzato? Chi ha definito storicamente il canone? La critica ne è un luogo di elaborazione? E quali sono i legami con i generi, gli stili, le scuole, la storia delle tecniche, i modi di produzione? Ha la storiografia cinematografica aiutato a produrre canoni formali, opere, autori e generi a discapito di altri? In che modo, inoltre, ripensare il canone significa ripensare la storia del cinema? A questi e molti altri interrogativi risponde l’edizione 2011 degli atti della rassegna internazionale ‘FilmForum’ con saggi, in italiano, inglese, francese, di alcuni tra i più importanti studiosi di cinema, tra cui Raimond Bellour, Adriano Aprà, Frank Kessler, Marc Vernet, Sergio Toffetti.

Acquista il libro

Dall'inizio, alla fine

Dall'inizio, alla fine

Atti del XVI Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 24-26 marzo 2009

A cura di Francesco Casetti, Jane Gaines e Valentina Re

Come è stato accolto il cinema al suo nascere e come è stato inquadrato tra i fenomeni artistici e culturali della sua epoca? E oggi come si affronta, invece, la sua trasformazione sotto la spinta della rivoluzione digitale, e come viene ridefinito nel momento in cui esso si collega sistematicamente ad altri media, dal computer al telefonino? Le due questioni parallele, cui il volume cerca di dare risposta, consentono di mettere a fuoco due fasi sociali e culturali diverse, separate da circa cent’anni di storia. La pubblicazione indaga criticamente lo statuto di medium del cinema, dapprima implicito e oggi invece più accentuato, confrontandolo con il suo statuto di arte. Si evidenziano, inoltre, i modi in cui il cinema risponde ai bisogni del suo tempo, riesaminando le rivoluzioni interne ad esso, fino a quella che oggi arriva anche a metterne in crisi la tradizionale identità.

Acquista il libro

Cinema e fumetto

Cinema e fumetto

Atti del XV Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 3-6 marzo 2008

A cura di Leonardo Quaresima, Laura Ester Sangalli e Federico Zecca

Il volume raccoglie una serie di studi dedicati all'intensa e complessa relazione che sembra legare a più livelli la realtà cinematografica con il mondo del fumetto nelle sue diverse espressioni. Si tratta di un legame che parte da lontano affondando le sue radici nel pre-cinema e negli anni del muto, per farsi più evidente in tempi recenti grazie allo sviluppo delle tecnologie digitali e alla nascita di nuove realtà produttive nell'ambito dell'audiovisivo. Il volume si propone di analizzare più a fondo tale relazione, passando attraverso differenti livelli che vanno da un approccio di ordine storico e sociologico ad uno più strettamente analitico e teorico.

Acquista il libro

Le età del cinema

Le età del cinema

A cura di Enrico Biasin, Roy Menarini e Federico Zecca

La creazione di ‘periodi’ e la determinazione di ‘fasi’, pratiche di ricerca preliminari a qualsiasi lavoro storiografico, vengono analizzate nella pubblicazione nell’ambito degli studi sul cinema e riportate alla complessità di tale medium nella storia del Novecento. Alla luce dell’originalità comunicativa, culturale ed estetica che il cinema ha manifestato nel corso dell’ultimo secolo, si rimettono in discussione i paradigmi di ricerca cui è pervenuta la scienza storica classica. Particolare attenzione è dedicata al cinema dei primi tempi e al ruolo da quest’ultimo raggiunto all’interno dei processi di visione popolare. 

Acquista il libro

Lo stile cinematografico

Lo stile cinematografico

Atti del XIII Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 27-30 marzo 2006

A cura di Enrico Biasin, Giulio Bursi e Leonardo Quaresima

La pubblicazione presenta una riflessione completa su ciò che s’intende per ‘stile’ in ambito cinematografico, nozione da sempre considerata una categoria di ricerca marginale da quanti si occupano di studi sul cinema. Sebbene i riferimenti allo stile di un periodo, di un genere, di una scuola/movimento, di un autore (dove il concetto di stile si fonde con quello di opera e di poetica) siano d’uso comune, la definizione resta ancora nebulosa e priva di un’effettiva sistematizzazione; ugualmente incerta è l’identificazione di una metodologia di analisi adeguata all’indagine di questo tema. Il volume intende quindi approfondire i complessi legami che si innescano tra il concetto di stile ed elementi come teorie, generi, tecnologie, metodi di produzione, con questo strettamente legati.

Acquista il libro

Il racconto del film

Il racconto del film

Atti dell’XII Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine-Gorizia, 8-10 marzo 2005

A cura di Alice Autelitano e Valentina Re

Passaggi, migrazioni, riscritture. Dalla sala alla pagina, dall’immagine alla parola scritta. Fin dalle sue origini il cinema ha rappresentato un luogo privilegiato nel quale si sono manifestate numerose e molteplici forme di passaggio intermediale. A fianco di forme ormai canonizzate di novellizzazione, quali il romanzo o il cineromanzo, troviamo numerosi fenomeni di trasmigrazione del materiale e delle forme narrative e linguistiche dall’‘ambiente film’ a svariati altri ‘ambienti narrativi’ (dalle figurine ai fumetti, dai videogame alla rete Internet) o non esclusivamente narrativi (il catalogo e il trailer). La novellizzazione – un ambito di ricerca ampio e articolato, ma sinora trascurato, considerato mera semplificazione della ‘materia’ cinematografica – apre oggi il campo a una ricognizione che può portare a risultati originali sia sul piano storiografico che su quello teorico e metodologico.

Acquista il libro

I cinque sensi del cinema

I cinque sensi del cinema

Atti dell'XI Convegno Internazionale di Studi sul Cinema, Udine-Gorizia, 15-18 marzo 2004

A cura di Alice Autelitano, Veronica Innocenti e Valentina Re

La storia del cinema è continuamente attraversata da tentativi di forzare i limiti dello schermo, per trasformare la superficie piatta e finita in uno spazio concreto, percepibile, percorribile, potenzialmente non-finito. La pellicola, da sola, non può tuttavia in alcun modo restituire le specificità dello spettacolo cinematografico delle origini, costruito sulla stimolazione plurisensoriale dello spettatore. I contributi raccolti nella pubblicazione intendono indagare le forme e le tecnologie di attivazione del coinvolgimento/distanziamento sensoriale di chi guarda, con particolare attenzione ai sensi ‘altri’ del cinema, come il tatto, il gusto, l’olfatto.

Acquista il libro

Limina

Limina

Atti del X Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine-Gorizia-Gradisca, 17-22 marzo 2003

A cura di Veronica Innocenti e Valentina Re

L’inizio e la fine del film possono rivestire un ruolo essenziale nel definire modelli narrativi e convezioni di genere, nello stabilire strategie enunciative, nel regolare punti di vista e regimi del sapere, nell’individuare modelli culturali e di ricezione. Tuttavia, l’attenzione che la teoria cinematografica ha riservato ad incipit ed excipit appare relativamente marginale, o quanto meno frammentaria. Dal tentativo di comprendere le ragioni di questa apparente distrazione, dall’interesse e dalla spinta ad attraversare quei segmenti, quelle zone liminari di passaggio, che marcano l’ingresso dello spettatore nella finzione e ne accompagnano l’uscita e che sono cruciali per decifrare i movimenti del testo ha preso origine il X Convegno internazionale di studi sul cinema, i cui interventi sono pubblicati nel volume.

Acquista il libro

Il film e i suoi multipli

Il film e i suoi multipli

Atti del IX Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 20-23 marzo 2002

A cura di Anna Antonini

Il volume esamina le aree di studio e di ricerca relative alla ‘pluralità’ cinematografica, affrontando il tema sia dal punto di vista storiografico che da quello metodologico e teorico, senza trascurare le fitte relazioni che intercorrono tra il cinema e le altre arti, a loro volta origine di fenomeni di moltiplicazione. Gli interventi raccolti prestano particolare attenzione al periodo che va dalla nascita del cinema agli anni Trenta, ma si spingono anche ad affrontare epoche più recenti – o aspetti limitrofi come la serialità televisiva – nel presupposto che da una teoria del cinema delle origini e del cinema muto possa venire un contributo importante alla comprensione del cinema contemporaneo.

Acquista il libro

L'uomo visibile

L'uomo visibile

Atti dell’VIII Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 21-24 marzo 2001

A cura di Laura Vichi

All’origine del progetto dell’VIII Convegno internazionale di studi sul cinema è la constatazione di una certa opacità della figura dell’attore che, sia nell’ambito della teoria che in quello della storiografia del cinema, soprattutto nel secondo dopoguerra, è stata spesso assimilata a quella della star, mentre in epoca più recente ha dato luogo a studi di tipo iconografico o è stata considerata nell’ambito di una rivalutazione cinematografica del corpo. Di qui la parziale marginalizzazione dell’attorialità in senso più stretto, in quanto aspetto originale e fondamentale dell’arte cinematografica, nella sua dimensione intermediale e nelle sue relazioni con i processi di significazione filmica. 'L’uomo visibile' corrisponde alla figura dell’attore come luogo metodologico ancor prima che come aspetto particolare, sebbene importantissimo, della teoria del cinema, così come prospettato nella riflessione di Balázs che resta, in questo ambito, un riferimento imprescindibile.

Acquista il libro

La decima musa

La decima musa

Atti del VII Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine-Gemona del Friuli, 21-25 marzo 2000

A cura di Leonardo Quaresima e Laura Vichi

Negli ultimi anni si è registrato un notevole ritorno di attenzione per i rapporti tra il cinema e ‘le altre arti’. Si tratta di relazioni che gli studi sul cinema non hanno mai, in realtà, cessato di indagare, ma è indubbio che alcune modalità dell’approccio contemporaneo, e il ricorso alla stessa nozione di altre arti, sembrano rimandare a una stagione che si credeva passata, quella delle ‘estetiche del film’. In quei modelli la componente estetica si intrecciava con altre: legate al ‘posto’ dello spettatore, alle modalità di fruizione o percettive, al sistema delle relazioni sociali. È la sfera del cinema come mezzo di comunicazione e del suo rapporto con altri media (oltre che con le altre arti) che viene chiamata in causa. Ed è su questa che si concentra l’attenzione delle riletture e l’investimento attualizzante di quest’opera.

Acquista il libro

I limiti della rappresentazione

I limiti della rappresentazione

Atti del VI Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 17-20 marzo 1999

A cura di Leonardo Quaresima, Alessandra Raengo e Laura Vichi

Il volume prende spunto da alcune riflessioni di Bazin: la morte e l’atto sessuale appaiono al critico francese momenti limite della rappresentazione; registrandoli e replicandoli sullo schermo il cinema viola la loro natura e sfocia nell’oscenità, non un’oscenità contingente, legata ad una determinata immagine o ai parametri di una data cultura, ma un’oscenità ontologica. La pubblicazione propone, accanto ad interventi di più spiccato taglio teorico-metodologico, un’indagine sull’evoluzione dell’istituzione censoria nei vari paesi europei e l’analisi di alcuni casi emblematici.

Acquista il libro

La nascita dei generi cinematografici

La nascita dei generi cinematografici

Atti del V Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 26-28 marzo 1998

A cura di Leonardo Quaresima, Alessandra Raengo e Laura Vichi

Il campo dei generi cinematografici sembra essere caratterizzato da una paradossale situazione: il massimo dell'evidenza si accompagna ad un massimo di incertezza, la concretezza e trasparenza dell'oggetto tende a trasformarsi in stato sfuggevole e incerto nel momento in cui ci si accosta all'oggetto stesso. Il titolo del volume sembrerebbe suggerire la fiducia in una concezione ontologica, o biologico-evoluzionista. Così non è: da tutti i contributi è venuto uno sforzo di riflessione metodologico e la stessa situazione delle origini del cinema è stata presa come occasione per ripensare i fondamenti teorici della nozione e del modello in questione.

Acquista il libro

Scrittura e immagine

Scrittura e immagine

Atti del IV Convegno internazionale di studi sul cinema, Udine, 20-22 marzo 1997

A cura di Francesco Pitassio e Leonardo Quaresima

Le didascalie costituiscono uno degli aspetti più tipici e appariscenti del cinema muto, ma rari sono gli autori che si sono interrogati sui meccanismi profondi e sui fenomeni generali chiamati in causa da tale procedura narrativa. In quest’ottica si è mosso il IV Convegno internazionale di studi sul cinema che ha cercato di estendere l’analisi anche al di là della didascalia in senso stretto (e del contesto del cinema muto), per indagare effetti e modalità della presenza della parola scritta nel cinema.

Acquista il libro